le ultime novità

09

dic

  • Vorresti occupare per sempre la prima posizione su google?

Vorresti occupare per sempre la prima posizione su google?

Se avete lavorato sulla SEO il vostro sito potrebbe essere al primo posto nei risultati di ricerca su Google, oppure potrebbe comparire nei posti successivi, sempre in prima pagina o se non avete lavorato bene con la SEO e avete trascurato alcuni elementi, potrebbe essere in seconda, in terza, in centesima pagina.

Sicuramente non essere nelle prime posizioni penalizza parecchio quando si parla di business.

Un recente studio ha confermato che i siti web presenti nella seconda e terza pagina di google, raccolgono solamente il 5,59% di click-through, mentre la sola prima posizione in prima pagina, addirittura il 31,24%.

 Novità

Quindi se il tuo sito non e’ in prima posizione, non riuscirai ad avere visite ?

Il tempo in cui si riuscivano a raggiungere le prime posizioni con poche attività SEO è ormai terminato, i motori di ricerca di adesso sono intuitivi e hanno la capacità di adattarsi alla ricerca del singolo utente mostrando una serp sempre diversa in base a svariati fattori; raggiungere la prima posizione diventa sempre più complesso ma non disperate, esistono altri metodi per catturare l’attenzione dell’utente e spingerlo a cliccare sul vostro link portando a visitare il vostro sito web.

Il rich media

Quando effettuate una ricerca i risultati sono di norma costituiti da un link e da un breve testo descrittivo che riassume il contenuto della pagina web a cui il link si riferisce.

Adesso Google ha deciso di arricchire questo testo con alcuni elementi grafici (foto e stelle…) per dare maggiori e immediate  informazioni al cliente.

 Novità

Uno studio molto recente che ha dimostrato come un link accompagnato da un buon Rich media, sia in grado di ottenere un altissimo numero di click in più rispetto al link normali. Nell’ esempio sottostante potete chiaramente notare la differenza con il post  dell’esempio precedente.

 Novità

Volendo trasformare in “numeri” la differenza di successo di queste due tipologie di link sulla serp di Google, abbiamo effettuato un test che ha fornito i seguenti incredibili risultati:

1) un sito in seconda posizione nella serp di Google ha ricevuto, in media, il 61% dei click quando arricchito con contenuti multimediali

2) Lo stesso sito in prima posizione ma con contenuti standard ha ottenuto il 48% dei click

Una differenza del 13% .

Se analizziamo il settore E-commerce la differenza e’ ancora più netta. Il test  ha rilevato che "le recensioni stellate" in seconda posizione catturano il 76% di click rispetto ad appena il 9% per il link in prima posizione senza stelle. Una differenza notevole.

Queste differenze sono legate alla tendenza di tutti gli utenti che vengono attratti da elementi e immagini, anche se piccole, ma in grado di destare interesse.

Oltre al questi elementi bisogna considerare che i link che contengono una maggior quantità di informazioni, trasmettono fiducia agli utenti, che considereranno quel link più affidabile.

Quindi bisogna solo concentrarsi sui rich snippet, e abbandonare la  SEO tradizionale?

L’aggiunta di elementi grafici nei risultati di ricerca non fornirà alcuna garanzia che la vostra pagina apparirà più in alto nella SERP, questa attività rende solamente il collegamento più attraente.

Se il contenuto è ancora qualitativamente carente o irrilevante, allora sarà giudicato come tale da Google che, molto probabilmente, non posizionerà il vostro link nella tanto ambita “prima pagina della serp”  e  il vostro potenziale cliente  avrà già cliccato su altri link prima di arrivare al vostro.

Conclusioni

Nessuna strategia puo’ sostituire le tecniche SEO, ma questi elementi possono essere un valido aiuto per invogliare l’utente a scegliere il vostro link. Un testo descrittivo breve completo e ben strutturato, aiuta sia i motori di ricerca a comprendere più chiaramente il contenuto della vostra pagina web in modo da posizionarla correttamente sia gli utenti che riescono così ad avere una risposta più completa e coerente con la loro ricerca.

 

Leggi anche: