le ultime novità

22

mar

  • Microscopico impianto wireless anticipa attacchi cardiaci di 3-4 ore tramite smartphone

Microscopico impianto wireless anticipa attacchi cardiaci di 3-4 ore tramite smartphone

Alcuni scienziati svizzeri dello Swiss Federal Institute of Technology di Losanna hanno sviluppato un piccolissimo impianto medico dotato di svariati sensori; obiettivo di questo dispositivo lungo appena 14mm è di analizzare il flusso sanguigno in tempo reale e trasferirne dati su smartphone e tablet via wireless. Grazie ad apposite App si potrà infatti elaborare queste informazioni e anticipare di qualche ora eventi fatali come attacchi cardiaci.

Un sistema rivoluzionario che sfrutta ancora una volta le principali piattaforme mobile, con risvolti decisamente interessanti per l’intera popolazione. Il device, denominato ‘IronIC system‘, può rilevare delle anomalie che precedono l’infarto, nello specifico:

C’è una proteina chiamata Troponina che viene rilasciata dai muscoli del cuore soltanto tre-quattro ore prima di un attacco cardiaco, soltanto quando questi muscoli cominciano a non funzionare più appropriatamente. Il nostro sistema può rilevare la presenza di questa molecola nel sangue, tre-quattro ore prima dell’evento fatale.

Il processo di funzionamento è piuttosto semplice, con gli avanzati sensori che rilevano le sostanze presenti nel sangue; il dispositivo si alimenta con una piccola patch sottocutanea tramite il quale vengono inviate informazioni via Bluetooth, appropriatamente analizzate e convertite in dati reali e successivamente visualizzabili comodamente su dispositivi mobili. Un vero e proprio ‘centro di analisi’ in miniatura, con la facoltà di salvare un numero incredibile di vite umane.

I test fino adesso hanno dato dei buoni riscontri, con le analisi sanguigne effettuate tramite il dispositivo che coincidono in tutto e per tutto con quelle tradizionali. La brutta notizia è che si parla di almeno 4 anni prima di una vera e propria commercializzazione, quella buona è che l’eventuale produzione di massa abbatterebbe i costi di un singolo chip ad un solo dollaro al pezzo (qualcosa in più al cliente finale).

Leggi anche: